lampO da

Marcello Pisani Agostino Vitolo

Mod. Singolo

Lampada Piantana in acciaio lucidato a mano e LED H. 210
Lampada Piantana in acciaio lucidato a mano, plexiglas e LED H. 210

La novità di questo nuovissimo oggetto di design sta nella sua semplicità ed eleganza. Nella forma riprende un tema futurista perché il lampo è sinonimo di dinamismo, di velocità, di forza. Una lampada con questa linea, coniugata alla sapienza del disegno, esprime quell’essenzialità che si cerca in un oggetto del genere. E’ energia pura e non si comprende se la luce sia qualcosa che nasce o è conseguenza di questa forma semplicissima ed efficace. In quanto strumento d’illuminazione crea un rapporto immediato tra la sua funzione e l’idea grafica. Tutto si stringe attorno ad una rappresentazione astratta e naturalistica nello stesso tempo. L’acciaio lucidato dà quella solidità ma anche quella capacità riflettente che amplifica l’effetto luminoso, espandendo l’effetto a tutto l’ambiente. Per tornare brevemente ai futuristi, si ha l’impressione di un “fiore elettrico”, qualcosa che ha sia le caratteristiche dell’elemento naturale che la sostanza della carica energetica. Per questo lampada ha una formidabile presenza, catalizza quello che le accade intorno, “riflette” ciò che la circonda diventando un punto intermedio. Ha esattamente le caratteristiche di essere sia interlocutore degli altri elementi d’arredo, ma anche la capacità di diventare polo d’attrazione, baricentro visivo dell’ambiente.
Possiede inoltre la felicità di un design semplice e quindi attentamente studiato, senza scivolare nella banalità o nella ripetizione. La lampada riprende poi a livello simbolico, il collegamento tra la terra e il cielo, conduce la luce, la addomestica perché si inserisce nel contesto dell’abitazione, ma conserva il ruolo di messaggera dell’elemento vitale per eccellenza. La luce acquista non solo un valore di praticità, ma anche quello di archetipo, qualcosa che legato alla forma naturale ripristina la memoria del contatto tra micro e macrocosmo.

Valerio Deho